In natura, tutti i giorni

Gli umani hanno una necessità innata di vivere nella natura; nel periodo infantile in particolare, il bambino ha bisogno di avere un relazione quotidianamente con la Terra: da questa relazione dipende la salute mentale, fisica e spirituale della nostra specie.
Attraverso l’interazione quotidiana con alberi, animali, piante i bambini apprendono a rilassarsi, utilizzare lo spazio, a risolvere dubbi, a relazionarsi, a responsabilizzarsi sulle conseguenze delle proprie azioni.

Sviluppano una maggior connessione e comprensione di se stessi e allo stesso tempo costruiscono un sentimento di appartenenza e di sicurezza nel mondo. L’armonia emozionale, la fiducia in se stessi, lo sviluppo fisico e mentale, le abilità di comunicazione e un sentimento di benessere generalizzato sono solo alcune delle caratteristiche osservate sui bambini del bosco.
Gli spazi naturali offrono al bambino sufficiente ampiezza, gran quantità e diversità di esperienze sensibili, possibilità di gioco e movimento che contribuiscono a aumentare la sua forza fisica ed emozionale, il suo senso di indipendenza e efficacia personale e la fiducia nelle sue capacità (“Educar en verde” Heike Freire).

Tutte le stagioni

Ogni stagione ha le sue caratteristiche e ognuna è in ugual modo stimolante per una mente in sviluppo come quella dei bambini. Se i bambini escono all’aperto solo quando c’è il sole, stanno conoscendo solo una parte della realtà.

Asilo nel bosco invernoDi mese in mese, il susseguirsi delle stagioni trasforma il bosco ed è sempre piacevole riscoprire gli innumerevoli cambiamenti che puntualmente avvengono nei diversi momenti dell’anno. Le condizioni ambientali infatti modificano in continuazione ed è importante allenare i sensi e tener viva la curiosità per interagire con l’ambiente circostante. Non si tratta solo del caldo e del freddo, a variare nel corso dell’anno non sono soli i nostri vestiti ma i colori e le sfumature, i rumori, gli odori, la luce, il buio, le emozioni. Le esperienze che tengono conto della stagionalità aiutano i bambini a comprendere gli elementi naturali, le relazioni, i cicli, gli sviluppi evolutivi. Di stagione in stagione imparano che in natura tutto cambia, si trasforma e si creano continuamente nuovi equilibri.

Frequentare il bosco nelle diverse stagioni è una straordinaria opportunità, con grande curiosità ed entusiasmo i bambini si lasciano infatti coinvolgere nella ciclicità della natura. Il susseguirsi delle stagioni, le sensazioni di caldo e di freddo, la luce vellutata, l’umidità dell’aria assumono un significato profondo che si conserverà tutta la vita.

°tratto da “La scuola nel bosco, Pedagogia, didattica e natura”, Erickson
Per approfondire l’argomento:
Bortolotti, A. (2011). Outdoor Education, ovvero alla scoperta dei (molti) motivi per fare scuola all’aperto, Infanzia, 6, 409-412
Gray P. (2013), Lasciateli giocare, Einaudi, Torino, 2015
Guerra M. (a cura di), Fuori. Suggestioni nell’incontro tra educazione e natura, FrancoAngeli, Milano, 2015
Schenetti M., Salvaterra I., Rossini B., La scuola nel bosco. Pedagogia, didattica e natura, edizioni Erickson, Trento, 2015